CreatiVo' Aps

Associazione Culturale

DAY ART: una giornata dedicata all'arte in tutte le sue sfaccettature: arti visive (pittura, scultura, fotografia) ma anche musica, danza, letteratura e moda.

Per tutto il giorno gli artisti potranno esporre le loro opere nel giardino della Villa e vi sarà anche la possibilità, per chi lo desidera, di cimentarsi, di mettersi - per così dire - all'opera.

Nel pomeriggio, sul selciato antistante la scalinata esterna che introduce nel palazzo, è programmato uno spettacolo che contiene la danza, la musica ed il canto ed una sfilata di moda per la promozione dei capi della stagione autunno - inverno 2022/23 di Sandra Storica Moda di ESTE (PD).

La parte letteraria sarà curata in collaborazione con il Parco Letterario® Francesco Petrarca e dei Colli Euganei

Nel corso del fine settimana Villa Contarini Giovanelli - Venier rimarrà CHIUSA per l'allestimento del seggio elettorale inerente le Elezioni Politiche 2022.

La riapertura con il consueto orario sarà per il giorno venerdì 30 Settembre 2022

Nel corso del mese di agosto la villa sarà chiusa per un periodo di ferie. Sarà possibile comunque visitare il palazzo solo su prenotazione telefonando con anticipo al numero 345 468 6440. Buon Ferragosto a tutti.

16 e 17 LUGLIO 1944 - I GIORNI PIÙ' TRISTI ... Quel che è certo è che non se ne parlava in famiglia, non conoscevo l'esistenza dell'episodio, ma ricostruendo la mia infanzia a Vo', e saputo cosa succedesse sotto i nostri occhi, non posso non pensare che vi sia stato qualcosa di più di una semplice continuità temporale. Che poi vi fosse realmente un nesso tra i fatti è la cosa che posso solo immaginare. Certo è che non si può più parlare di allora tacendo di Villa Venier a Vo' Vecchio e del suo destino, in quei giorni tristi del 1944.

L'infelice domenica in cui Orlandino Calaon fu trucidato anticipava solo di mezza giornata la deportazione dei sessanta ebrei dal piccolo campo di concentramento di Vo' Vecchio.

Da sette mesi quelle famiglie, prevalentemente di padovani e di estensi, erano state strappate alle loro case e alle loro occupazioni e trasferite nel piccolo borgo, a pochi chilometri da casa mia. Già solo un mese dopo l'8 settembre, i zelanti collaborazionisti padovani latravano contro i perfidi giudei che definivano "genia malvagia di parassiti", imputabili di ogni male, e responsabili principali della rovina bellica e dell'odioso tradimento del 25 Luglio. Fino ad allora le autorità germaniche si erano limitate a raccogliere i nomi e i cognomi dei 544 ebrei residenti in città e già schedati dal 1938; l'ordine di deportazione arrivò alle prefetture della Repubblica di Salò il 1° Dicembre del 1943.Un tale evento non passò certo inosservato. Io che allora avevo sette anni o i miei fratelli ancora piccoli potevamo non sapere, a casa non ne parlavano, ma gli adulti ... La gente di Vo' deve avere certamente commentato quanto stava accadendo sotto i suoi occhi. Certo con la massima prudenza, perché non era dato scherzare e si poteva finire in disgrazia per molto poco. Ma quei bambini e quei vecchi reclusi non potevano non interrogare qualche coscienza. "Perché? Dov'erano destinati?". Fatto sta che per molto tempo dopo la guerra non se ne parlò e tutto sarebbe stato dimenticato se non vi fosse stato l'interesse di uno studioso di storia locale a rianimare, una ad una, quelle sessanta persone passate per Vo' nel '44, caricate sul convoglio 33T e mai più ritornate.

16 Luglio, omicidio di Orlandino; 17 Luglio, deportazione degli ebrei reclusi a Vo' Vecchio.

 Quale nesso? Forse solo una coincidenza temporale, una disgrazia, ma ... che si potesse temere qualche azione della resistenza è plausibile. Come è probabile che si fossero intensificati i pattugliamenti della zona. Ma, papà cosa c'entrava? Lui e i suoi panni sporchi. Quelli che ogni domenica portava a casa. Panni sporchi da lavare. Panni sporchi da nascondere? Panni lavati che per qualche mese, finita la guerra, la mamma gli portò in carcere. I panni immacolati che mamma stendeva in giardino, perché tutti vedessero ... perché i Cocai capissero. E poi, dopo l'assoluzione, quegli schiaffi dati in pullman. Non c'era verso di calmare papà quel giorno. Le lacrime solcavano il suo viso precocemente invecchiato. La vedova gli si era avvicinata e lo aveva schiaffeggiato. Quel gesto era la sua condanna, il suo esilio. Bandito da Vo', poté tornarvi solo le domeniche, per portare a casa i panni sporchi, nell'eterna ripetizione dello stesso gesto, quello che un maledetto giorno di luglio aveva fermato il suo tempo e un po' anche il mio.

Da "Spacca sassi - Romanzo di vita" di Arnaldo MAZZON

Le calde serate estive ci invitano ad uscire finalmente liberi dalle nostre case dove siamo dovuti rimanere per due anni difficili e sofferti. Viaggeremo nel cielo intorno al mondo attraverso canti ritmati accompagnati da coro "Dietro le quinte".

Ingresso a offerta libera per aiutare le famiglie ucraine con figli.

LUCA FRANCIOSO

UMANA DIMENSIONE

"Ovunqueverso", il titolo del brano tratto dal mio nuovo album "Umana dimensione", non si riferisce a realtà parallele o virtuali, ma all'arte, lo spazio infinito di linguaggi ed emozioni che si muove in qualsiasi direzione. Il disco, edito da fingerpicking.net, è parte di un progetto artistico di parole, musica e immagini che connette in unico flusso narrativo quattro diverse opere da me realizzate. Oltre alla musica di "Umana dimensione", il progetto comprende il relativo libro di spartiti, il libro di poesie "Scenari diVersi" e i due disegni "La forma della cenere" diventati copertina di disco e libro.

Gruppo Soave in Arte

Un gruppo di artisti veronesi esporrà dall'inizio dell'estate nelle sale del 3° piano della villa.

Un'opportunità in più per visitare un sito di grande valore architettonico e storico ai piedi dei Colli Euganei.

Nel corso del fine settimana Villa Contarini Giovanelli - Venier rimarrà CHIUSA per l'allestimento del seggio elettorale inerente i Referendum del 12 Giugno 2022

La riapertura con il consueto orario sarà per il giorno venerdì 17 Giugno 2022.

Concerto degli Allievi

6 Giugno 2022

Concerto di fine anno IC Lozzo Atestino

Allievi Indirizzo musicale. Nello splendido scenario di Villa Contarini Giovanelli - Venier i (con cui abbiamo firmato per 5 anni i patti educativi di comunità). Complimenti!

Ai docenti, agli alunni, agli orgogliosi genitori (presenti in oltre 300)

Il Dirigente scolastico

Alfonso D'Ambrosio

L'opera, una cronaca sinfonica per voci recitanti e orchestra, composta da Stefano Fonzi su testi di Giommaria Monti su Falcone e Borsellino (a trent'anni dalla morte), descrive la solitudine e l'isolamento in cui si erano trovati i due magistrati prima di essere uccisi.


L'opera è stata eseguita 2012 nell'aula bunker del carcere dell'Ucciardone di Palermo.

Musica: Stefano Fonzi

Testo: Giommaria Monti

Cronaca sinfonica per voci recitanti e orchestra

Interpreti: Sarah Trevisan e Davide Lazzaretto

Regia: Raimondo Riu

Ospite della serata: dott. Gianmaria Monti - Giornalista autore televisivo e scrittore

Domenica prossima 22 maggio 2022, per tutto il giorno, Villa Contarini Giovanelli - Venier sarà accessibile solo per chi ha prenotato la partecipazione all'evento.

Comunicato dell'Ordine degli Architetti PPC di Padova

IN RICORDO DI ANTONIO DRAGHI

L'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, della Provincia di Padova comunica che è venuto a mancare Antonio Draghi, ex Presidente dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Padova.

Uomo di grande cultura e sensibilità ha speso a lungo le sue energie in favore della comunità professionale degli architetti e della società.

Entrato a far parte come consigliere dell'Ordine nel 1982, ha ricoperto nel lungo periodo diverse posizioni all'interno dell'istituzione, dapprima come vicepresidente nel 1984, poi come presidente nel periodo dal 1990 al 1994, per poi proseguire due ulteriori mandati come consigliere dal 2005 al 2013.

Membro del Consiglio Nazionale degli Architetti (CNA) per il quale ha rivestito la funzione di Responsabile del Settore Esteri e capo della Delegazione Italiana al Consiglio degli Architetti d'Europa, Antonio Draghi era un profondo conoscitore della storia locale e dell'architettura sia contemporanea che del passato.

Ha legato la sua figura ad interventi rilevanti, tra i quali spicca il restauro del Centro Culturale Altinate-San Gaetano a Padova, di cui ha curato il progetto e la direzione artistica, e di diverse ville, tra cui Villa Contarini Giovanelli Venier a Vo' Euganeo trasformato in museo della Shoah, Villa Trevisan Savioli ad Abano e Villa Foscarini Rossi a Stra. Attualmente era impegnato in diversi progetti, tra cui l'elaborazione delle Linee guida per gli spazi pubblici del centro storico a Piombino Dese.

A lui sono legate una serie di pubblicazioni legate ai suoi molteplici interessi ed in particolare la serie di volumi della collana "Luoghi ed itinerari della riviera del Brenta e del Miranese", in cui sono raccolte notevoli informazioni sul patrimonio architettonico storico e sul paesaggio di questa porzione del nostro territorio.

Notevole inoltre la sua attività di conferenziere

Chiunque ha avuto il piacere di conoscere Antonio ne ha sempre apprezzato oltre alla signorilità dei modi e al garbo naturale la competenza professionale e la lucidità delle sue analisi.

Sia all'interno delle istituzioni che dal di fuori non ha mai fatto mancare il suo apporto e il suo stimolo culturale.

Attento a preservare la figura professionale dell'architetto e del suo ruolo nella società si è speso in favore dell'introduzione di una legge atta a sancire l'interesse pubblico dell'architettura. Per l'arch. Draghi "la promozione della conoscenza e del rispetto dello spazio naturale e antropizzato, quindi del paesaggio e dell'architettura, contribuisce a formare il senso di appartenenza, di identità e di responsabilità dell'intera comunità". È per questo che riteneva che la figura dell'architetto dovesse essere al centro dei processi trasformativi del territorio, in quanto unico capace di "relazionare armonicamente testo e contesto", e pertanto anche l'unica titolata ad operare con riserve esclusive sul patrimonio storico architettonico tutelato per legge.

La sua repentina scomparsa lascia tutti coloro che l'hanno conosciuto sgomenti e la società tutta perde con lui una delle voci più autorevoli e lucide del nostro territorio.

A nome dei Consiglieri attuali dell'Ordine ma anche a nome dei Consiglieri passati che hanno avuto la fortuna ed il privilegio di collaborare assieme negli anni porgiamo alla famiglia dell'architetto Draghi le nostre più sincere condoglianze.

Vo' (quello che oggi chiamiamo "vecchio", ma che tale è rimasto rispetto a quello "nuovo"), prima ancora che un aggregato abitativo stabile, è stato per secoli un crocevia in grado di attrarre un traffico quotidiano di addetti e di mezzi, nel quale si mescolavano braccianti agricoli, facchini e cavallanti, barcàri e carrettieri, possidenti agrari e cavatori, agenti e mediatori. Un luogo dove il lavoro non è mai mancato e dove la Serenissima ha saputo, con la sua civiltà, garantire benessere e sicurezza fino al suo tramonto.

La sicurezza sul lavoro, oggi in particolare, è diventata una questione sociale, culturale e politica, in cui bisogna intervenire al più presto con leggi e decreti adeguati, al fine di non dover mai più piangere una morte, bianca o nera comunque sia chiamata.

Di seguito, una poesia di Carlo Soricelli: Morti Bianche - Con l'augurio che questo nostro paese chiamato "civile" si assuma le proprie responsabilità e lavori concretamente al fine di meritarsi davvero tale aggettivo.

Carlo Soricelli - Pittore, scultore, ha scritto cinque libri, è il curatore dell'Osservatorio indipendente di Bologna morti sul lavoro. Ha creato la pittura pranica, la prima al mondo, dove le opere interagiscono con l'osservatore portando a chi le guarda anche benessere fisico.

Morti bianche

Chiamatele pure morti bianche.

Ma non è il bianco dell'innocenza

non è il bianco della purezza

non è il bianco candido di una nevicata in montagna

È il bianco di un lenzuolo, di mille lenzuoli

che ogni anno coprono sguardi fissi nel vuoto

occhi spalancati dal terrore

dalla consapevolezza che la vita sta scappando via.

Un attimo eterno che toglie ogni speranza

l'attimo di una caduta da diversi metri

dell'esalazione che toglie l'aria nei polmoni

del trattore senza protezioni che sta schiacciando

dell'impatto sulla strada verso il lavoro

del frastuono dell'esplosione che lacera la carne

di una scarica elettrica che secca il cervello.

È un bianco che copre le nostre coscienze

e il corpo martoriato di un lavoratore

È il bianco di un tramonto livido e nebbioso

di una vita che si spegne lontana dagli affetti

di lacrime e disperazione per chi rimane.

Anche quest'anno oltre mille morti

vite coperte da un lenzuolo bianco.

Bianco ipocrita che copre sangue rosso

e il nero sporco di una democrazia per pochi.

Vite perse per pochi euro al mese

da chi è spesso solo moderno schiavo.

Prima della scienza e ancora prima delle religioni, c'erano i miti e le leggende, tramandati oralmente da antiche generazioni. Di solito tali narrazioni riguardavano dèi ed eroi come protagonisti delle origini del mondo in un contesto soprannaturale.

Oggi li vediamo come finzione, ma in passato i miti erano un modo per spiegare i fenomeni naturali che circondavano l'umanità e offrire una risposta alle domande universali che tutt'oggi ancora ci affascinano.

I miti, come le parabole, e le fiabe hanno dunque il compito di far arrivare l'ascoltatore al mondo dei princìpi attraverso la parola e il coinvolgimento emotivo. Spetta poi alla razionalità il chiarimento delle presunte contraddizioni e la disposizione degli avvenimenti nella giusta luce, senza tuttavia disconoscere l'essenza del mito.

Dèi ed Eroi dell'Antica Grecia è una raccolta di opere su legno dello scultore Giovanni Romano per permettere soprattutto alle nuove generazioni di riscoprire questi antichi Miti immortali.

Lunedì 18 aprile 2022 - Pasquetta

Lunedì 18 Aprile 2022 dalle ore 10 - Il parco e il giardino di Villa Contarini Giovanelli - Venier saranno aperti al pubblico per la tradizionale gita fuori porta ed il pic - nic del lunedì di Pasquetta.

Possibilità di passeggiare lungo le piste ciclabili attorno al borgo di Vo' Vecchio ed ammirare il paesaggio con il punto di vista del "turista lento".

Giardino aperto per il pic - nic (è consigliata la prenotazione per la predisposizione dei tavoli).

Visita guidata del palazzo e a seguire caccia alle uova nel parco.

Per tutto il pomeriggio intrattenimento con il MAGO GIAN per bambini dai 3 ai 103 anni.

Prima della scienza e ancora prima delle religioni, c'erano i miti e le leggende, tramandati oralmente da antiche generazioni. Di solito tali narrazioni riguardavano dèi ed eroi come protagonisti delle origini del mondo in un contesto soprannaturale. Oggi li vediamo come finzione, ma in passato i miti erano un modo per spiegare i fenomeni naturali che circondavano l'umanità e offrire una risposta alle domande universali che tutt'oggi ancora ci affascinano.
I miti, come le parabole, e le fiabe hanno dunque il compito di far arrivare l'ascoltatore al mondo dei princìpi attraverso la parola e il coinvolgimento emotivo. Spetta poi alla razionalità il chiarimento delle presunte contraddizioni e la disposizione degli avvenimenti nella giusta luce, senza tuttavia disconoscere l'essenza del mito.
Dèi ed Eroi dell'Antica Grecia è una raccolta di opere su legno dello scultore Giovanni Romano per permettere soprattutto alle nuove generazioni di riscoprire questi antichi Miti immortali.

Era da tempi immemorabili, forse dall'antica fiera di San Lorenzo istituita dalla Serenissima nei secoli passati, che l'antico borgo di Vo' (ora vecchio) non riceveva così tanti visitatori, un pubblico selezionato e desideroso di conoscere la storia e la bellezza di un luogo che, come pochi altri nell'entroterra veneto, conserva intatto il suo impianto originario.

Grazie ad Anna Claudia ed al Gruppo Giovani volontari del FAI di Padova, ai bravissimi "aspiranti Ciceroni", ai volontari della Protezione Civile, agli associati di CreatiVo' che hanno saputo preparare il sito per i ricevimenti delle grandi occasioni, al Sindaco di Vo' ed al personale dipendente sempre disponibile e puntuale nella pulizia del giardino.

Grazie all'US Scuola Ciclismo Vo', a Graziano LOVO ed alla sua famiglia, che ha saputo sapientemente organizzare e gestire con saggezza le gare ciclistiche del pomeriggio di una domenica che rimarrà per le atlete e anche per noi indimenticabile.

Grazie al pubblico, paziente e disponibile, per l'affetto ricevuto e per i complimenti che sapremo ricambiare nel futuro con le nostre attività.

Seguiteci e tornate a trovarci. GRAZIE.

La visita si sviluppa sia all'interno del palazzo che nel giardino esterno, nella piazza mercato, sul porto e si concluderà, dopo una breve passeggiata partendo dal sagrato della chiesa, sul ponte canale di Vo' Vecchio al vertice del cosiddetto Serraglio, per ammirare il tramonto dall'acqua.
Necessaria la prenotazione; per la visita guidata il punto d'incontro è davanti alla reception di Villa Contarini Giovanelli Venier, dove si pagherà il biglietto d'ingresso. Consigliamo di arrivare 10 minuti prima dell'inizio della visita per il disbrigo delle formalità. - Prezzo 5 €uro (gratuito per disabili e accompagnatore e bambini fino a 12 anni).

L'uomo ... oltre l'uomo

Concerto del duo BIFULCO - MINIERI

La foto, ripresa nel corso delle prove degli straordinari musicisti che hanno animato con il concerto per pianoforte e flauto la Sala della Carità a Padova Domenica 20 Marzo 2022, è stata inserita volutamente senza il pubblico, per illustrare la magnificenza del luogo e tentare di descrivere le emozioni provate nel corso di un pomeriggio che rimarrà per sempre indimenticabile.

Un GRAZIE particolare ai musicisti, al socio Prof. Gabriele Toso ed ai partecipanti a questo evento; a quanti hanno collaborato, soprattutto "dietro le quinte"; a chi, pur desiderando, non ha potuto essere presente.

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, un'opportunità per visitare un sito di grande valore architettonico e storico ai piedi dei Colli Euganei.
Al termine verrà riservato un omaggio a tutte le gentili signore.
La visita si sviluppa sia all'interno del palazzo che nel giardino esterno, nella piazza mercato, sul porto e si concluderà, dopo una breve passeggiata partendo dal sagrato della chiesa, sul ponte canale di Vo' Vecchio al vertice del cosiddetto Serraglio, per ammirare il tramonto dall'acqua.
Necessaria la prenotazione; per la visita guidata il punto d'incontro è davanti alla reception di Villa Contarini Giovanelli Venier, dove si pagherà il biglietto d'ingresso. Consigliamo di arrivare 10 minuti prima dell'inizio della visita per il disbrigo delle formalità. - Prezzo 5 €uro (gratuito per disabili e accompagnatore e bambini fino a 12 anni).

L'uomo ... oltre l'uomo

In una poesia di Primo Levi si legge "meditate che questo è stato", un verso che riflette tutto il valore e l'importanza della Memoria: non solo affinché ciò che è stato non si ripeta, ma anche e soprattutto perché l'impossibilità della rassegnazione all'orrore e alla sua realtà continui a restare custodita nel tempo di chi sopravvive.
E invece, mai come in questi giorni, l'orrore e la guerra si ripetono secondo un ripetitivo e tragico ritorno al passato.
Le due mostre, allestite secondo la modalità multimediale e di realtà aumentata, saranno visitabili a Vo' Vecchio (PD) presso Villa Contarini Giovanelli - Venier, che fu campo di concentramento durante la Seconda guerra mondiale, e presso la Sala della Carità a Padova.
L'evento dal titolo "L'uomo ... oltre l'uomo" si completerà nella rinomata sala affrescata con il Concerto del duo Bifulco Minieri.
Necessaria la prenotazione.
https://forms.gle/my9zsBa5ogxZd8AHA
e - mail: creativo.ac@gmail.com
Tel. 347 7930 668 (Claudio)

Quest'anno va di moda il "Carnevale diffuso" con lo scopo di riportare il SORRISO tra le genti: in un momento in cui abbiamo tutti bisogno di lasciarci alle spalle questi due anni difficili e per esorcizzare con l'allegria e la conoscenza i venti tempestosi che soffiano dall'Europa dell'est, abbiamo pensato che non occorre andare a Venezia per trascorrere un pomeriggio in una location dal sapore tipicamente veneziano accompagnato dai colori e dai profumi del Carnevale.

La visita si sviluppa sia all'interno del palazzo che nel giardino esterno, nella piazza mercato, sul porto e si concluderà, dopo una breve passeggiata partendo dal sagrato della chiesa, sul ponte canale di Vo' Vecchio al vertice del cosiddetto Serraglio, per ammirare il tramonto dall'acqua. 

Per rispondere alle richieste di coloro che non hanno potuto partecipare all'ultima visita guidata di domenica scorsa, abbiamo programmato UNA NUOVA DATA per ricordare il Giorno della Memoria: un'opportunità per visitare un sito di grande valore architettonico e storico ai piedi dei Colli Euganei che fu campo di raccolta di cittadini italiani ebrei.

La Villa è pronta per accogliere i visitatori in totale sicurezza. Necessaria la prenotazione.

La visita guidata è a numero chiuso e la ripeteremo nelle settimane successive fino ad esaudire tutte le richieste.

OBBLIGO DI GREEN PASS

Per la visita guidata il punto d'incontro è davanti alla biglietteria di Villa Contarini Giovanelli Venier, dove si pagherà il biglietto d'ingresso. Consigliamo di arrivare 10 minuti prima dell'inizio della visita per il disbrigo delle formalità. - Prezzo 5 €uro (gratuito per disabili e accompagnatore e bambini fino a 12 anni).

Per informazioni e prenotazioni

ASSOCIAZIONE CULTURALE CREATIVO'

e-mail: creativo.ac@gmail.com

Sito web: www.creativo01.com

Facebook: https://www.facebook.com/VillaContariniGiovanelliVenier

Telefono: 049 9941 205 (Segreteria) o 347 793 0668 (Claudio)

Giorno della Memoria

Giovedì 27 Gennaio 2022 - ore 11

Intervento del Sindaco di VO' - Dott. Giuliano MARTINI in occasione della commemorazione del Giorno della Memoria

27 Gen 2022

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell'Olocausto. Questo importante appuntamento ha assunto un alto valore politico e istituzionale. Vengono ricordati il dramma e la barbarie perpetrati dal Nazismo. Con il termine Shoah si indica il genocidio attuato dalla Germania nazista e dai suoi alleati verso il popolo ebraico, verso zingari, omosessuali, disabili e testimoni di Geova. Fu uno dei momenti più bui della storia dell'Umanità. Il ricordo serve a esorcizzare la possibilità che una tragedia di tale portata possa ripetersi.

Ricordare l'Olocausto serve ad essere consapevoli di quanto realmente possa arrivare in alto il livello del male: quell'orrore potrebbe succedere di nuovo. Il 27 gennaio ci ricorda di essere coscienti di quale orrore porta l'odio, di quali danni fanno il fanatismo e la guerra. I campi di concentramento sono il monito tangibile di quell'orribile fardello nel nostro presente. Il ricordo è l'unico antidoto al non ritorno.

Davanti al pericolo che una tragedia simile succeda di nuovo è necessario unirsi nel ricordo. Unirsi a prescindere da differenze di fede, di credenze politiche o di etnia. Il dramma di Auschwitz, infatti, non deve limitarsi alla tragedia ebraica ma portare un riferimento collettivo verso tutti i popoli ancora perseguitati.

L'internamento nel lager è stata un'esperienza estrema, una discesa negli abissi dell'umanità, la negazione della civiltà. Auschwitz ci ha mostrato la faccia disumana della nostra civiltà. Ha senso ricordare, oggi come per gli anni che verranno, perché l'esperienza del lager per i sopravvissuti è stata così traumatica da non aver parole per descriverla pienamente.

Oggi siamo qui, davanti a questa lapide per ricordare e capire i tragici avvenimenti che a seguito della promulgazione delle leggi razziali del 1938 mandarono a morte cittadini italiani di religione ebraica, che furono incarcerati in questa villa prima di essere mandati in Polonia a morire nel campo di Auschwitz-Birkenau

Ricordiamo la figura dell'artista futurista Mario Pozzati che si rifugiò in questa villa fino a che non fu requisita dai Tedeschi. L'artista ha avuto il coraggio di criticare il regime quale anarchico antifascista e per questo ha pagato un caro prezzo. Nelle sue opere troviamo i tratti cupi e angosciati di una disumanità inspiegabile.

Oggi stiamo vivendo un periodo ancora difficile a causa di questa crisi mondiale che ha messo a dura prova tutti noi e soprattutto le persone più fragili e i nostri anziani. I disagi derivanti dalla pandemia hanno amplificato sentimenti di odio e rancore verso il prossimo e verso le Istituzioni. Ci troviamo di fronte a sempre maggiori manifestazioni di intolleranza che hanno origine da odio razziale.

Sono rimasto molto colpito da quanto accaduto due giorni fa nel livornese a quel bambino italiano di 12 anni, di religione ebrea, insultato e picchiato da due ragazze quindicenni che si sono rivolte a lui con epiteti antisemiti e inneggiando ai forni crematori, sputandogli addosso e aggredendolo a calci e pugni senza nessun motivo, spinte solo da un forte e inspiegabile odio razziale. Nessuno dei presenti lo ha difeso.

Questa brutta pagina di cronaca ci fa capire che c'è ancora tanto da fare se dopo più di 80 anni dalla fine dell'Olocausto ci troviamo ancora di fronte a episodi del genere!

Non dobbiamo permettere che l'Olocausto venga negato, lottando con tutte le nostre forze contro la discriminazione, il razzismo e l'esclusione.

Ciascuno di noi sia responsabile della rinascita, percorrendo la strada della libertà e della dignità di fronte a quei bivi che ci danno la possibilità di scegliere tra odio e amore, tra vendetta e pace.

Il complesso di Villa Contarini Giovanelli - Venier a Vo' Vecchio (PD) rappresenta uno dei più alti esempi, ormai rari, di urbanistica organizzata su un impianto di una Villa Veneta nell'entroterra padovano.

Nel corso dei secoli al Palazzo si sono aggregati l'oratorio, un'osteria, la piazza mercato ed il porto fluviale dando origine a quello che poi è diventato Vo'.

Villa Contarini Giovanelli - Venier dal 3 dicembre 1943 al 17 luglio 1944 è stata campo di concentramento di cittadini ebrei, deportati poi al campo di concentramento di Auschwitz.

La visita dura circa 2 ore e si divide normalmente in due parti: la prima parte seduti (della durata di un'ora circa) in cui viene raccontata la storia del sito di Vo' Vecchio, della Villa, dei nobili e degli artisti che l'hanno abitata e la vicenda del campo di concentramento di cittadini ebrei. Si procede poi accompagnati alla visita dei quattro piani del Palazzo e del giardino.

Per la visita guidata il punto d'incontro è davanti alla biglietteria di Villa Contarini Giovanelli - Venier, dove pagherà il biglietto d'ingresso. Consigliamo di arrivare 10 minuti prima delle 15 (ore di inizio della visita) per il disbrigo delle formalità.

Prezzo 5 €uro (gratuito per disabili e accompagnatore e bambini fino a 12 anni)

Per informazioni e prenotazioni

e-mail: creativo.ac@gmail.com

Sito web: www.creativo01.com

Facebook: https://www.facebook.com/VillaContariniGiovanelliVenier

Telefono: 347 793 0668 (Claudio)

Non fatevi ingannare dalla data (2021!) - Da domani lo potete trovare anche in edicola.

Informiamo tutti i visitatori che dopo le festività Natalizie e di Capodanno 2022

il sito di Villa Contarini Giovanelli - Venier

Riapre al pubblico da 

Venerdì 7 Gennaio 2022 alle ore 15

CAPODANNO 2022 

Buon ultimo giorno dell'anno.

Questo è il tramonto con il quale, tra poche ore, vogliamo salutare un altro anno che se ne va. Un anno difficile il 2021, nel quale le speranze da noi riposte, non sono state purtroppo del tutto esaudite; prima tra tutte la fine della Pandemia, quanto piuttosto la recrudescenza di questo virus che negli ultimi giorni ci costringe nuovamente a rinunciare a quei gesti tanto desiderati e attesi già dallo scorso anno.

I colori. i sapori, i suoni, i sorrisi, gli abbracci, ma soprattutto il desiderio di stare insieme sono riassunti in questa foto che rappresenta uno dei momenti più belli con cui vogliamo ricordare l'anno 2021, nel luogo che rappresenta da quasi 500 anni il cuore vitale e pulsante di VO'.

Purtroppo con l'attuale situazione dovremo convivere ancora a lungo; ciò nonostante ma con la consapevolezza che torneremo presto a stare insieme, vogliamo rinnovare a tutti gli Auguri più sinceri per un futuro pieno di gioia, salute e serenità.

La storia, la cultura ma soprattutto la BELLEZZA salveranno il mondo. Buon Anno 2022

 

Natale 2021

Capodanno 2022

E' con questa foto, che rappresenta sicuramente uno dei momenti più belli di tutto questo anno difficile, che vogliamo porgere al numeroso pubblico tutto, che ci ha visitato e a tutti coloro che ci hanno sostenuto nelle nostre attività, gli AUGURI più sinceri per le Festività ormai imminenti. Questa foto ci rende orgogliosi della nostra terra e dei nostri migliori figli ricordandoci le indimenticabili emozioni che abbiamo vissuto nello sport e non solo. Arrivederci nel 2022.

Informiamo tutti i visitatori che in occasione della festività Natalizie e di Capodanno 2022

il sito di Villa Contarini Giovanelli - Venier rimane

Chiuso

Riprenderemo le attività da venerdì 7 Gennaio 2022 alle ore 15

8 Dicembre 2021

Informiamo tutti i visitatori che in occasione della festività dell'Immacolata Concezione

il sito di Villa Contarini Giovanelli - Venier rimane

Chiuso

Riprenderemo le attività da venerdì 10 Dicembre alle ore 15

Visita guidata

Un'opportunità per visitare un sito di grande valore architettonico e storico ai piedi dei Colli Euganei. La Villa è pronta per accogliere i visitatori in totale sicurezza.

Per la visita guidata il punto d'incontro è davanti alla biglietteria di Villa Contarini Giovanelli - Venier, dove si pagherà il biglietto d'ingresso. Consigliamo di arrivare 10 minuti prima dell'inizio della visita per il disbrigo delle formalità. - Prezzo 5 €uro (gratuito per disabili e accompagnatore e bambini fino a 12 anni)

Giornata contro la violenza sulle donne

Trascorreremo un pomeriggio leggero tra musica e poesia per ricordare le vittime di maltrattamenti, abusi e femminicidi e per formare ed informare come combattere le discriminazioni e le disuguaglianze di genere.

Nessuna legge potrà mai essere veramente efficace contro la violenza di genere quanto la prevenzione. Prevenzione finalizzata all'educazione delle nuove generazioni che parta dal rispetto delle differenze, passi da una comunicazione dei mass media più rispettosa della figura femminile, per arrivare al raggiungimento dell'uguaglianza come valore universale.

Perché domani è troppo tardi. Perché bisogna agire oggi.

Ingresso libero - posti limitati.

La Villa è pronta per accogliere i visitatori in totale sicurezza.

ATMOSFERE D'AUTUNNO

MOSTRA MICOLOGICA

Ci immergeremo tra i colori e i profumi dell'autunno con una nutrita mostra micologica proveniente dalle colline euganee e beriche. Nel pomeriggio di domenica, dopo la degustazione, ospiteremo Antonio "Toni" Mazzetti che ci illustrerà il suo ultimo lavoro letterario.

1° Novembre 2021


Informiamo tutti i visitatori che in occasione della festività di Tutti i Santi 

il sito di Villa Contarini Giovanelli - Venier rimane

Chiuso

Riprenderemo le attività da venerdì 5 Novembre alle ore 15

NEGLI OCCHI DI SARA

Sabato 16 Ottobre 2021 - ore 16

Con il patrocinio del Comune di Vo'

I Coristi per caso raccontano la storia della piccola Sara, la più giovane vittima della Shoah a Padova.

Spettacolo intervallato da canzoni e musiche.

Presso Villa Contarini Giovanelli - Venier a Vo' Vecchio (PD) che fu teatro della vicenda.

Direzione Gianluca Amore.

Regia di Cristina Padovani

Ingresso libero

Mostra acquerelli
PROROGATA FINO AL

10 OTTOBRE 2021

DAY ART 2021

Sono aperte le iscrizioni per l'edizione 2021 del DAY ART la giornata dedicata all'arte presso Villa Contarini Giovanelli - Venier a Vo' Vecchio (PD).

Un'occasione in più per visitare ed immergersi tra i colori dell'autunno in un sito di grande valore architettonico e storico ai piedi dei Colli Euganei.

La Villa è pronta per accogliere i visitatori in totale sicurezza.

Regolamento

Il costo di partecipazione è fissato in €uro 20,00 da versare entro venerdì 15 ottobre 2021 per contanti presso la biglietteria di Villa Contarini Giovanelli - Venier o a mezzo bonifico bancario sul c/c con Iban IT05A08982 63000 027000202930 intestato a Associazione Culturale CreatiVo' Aps, specificando nella causale del versamento: "Quota di iscrizione a DAY ART 2021 - cognome e nome" ed inviandone una copia a: creativo.ac@gmail.com Con il versamento della quota di iscrizione, ogni artista accetta il contenuto del presente Regolamento. In caso di mancata partecipazione la quota d'iscrizione non verrà rimborsata. Ad ogni artista sarà assegnato un apposito spazio numerato di circa 4 mq. al quale si potrà accedere a partire dalle ore 8. Ogni artista dovrà essere autosufficiente per quanto concerne il materiale (attrezzature, supporti, ecc.) inerente all'esposizione. Parallelamente all'esposizione, chi lo desidera potrà cimentarsi nella propria disciplina in un concorso estemporaneo a tecnica libera senza limiti di misura e/o in numero di opere, rispettando ovviamente lo spazio messo a disposizione. Ad ogni artista presente nel corso della manifestazione verrà consegnato un certificato di partecipazione. Una giuria composta da 5 componenti, a proprio insindacabile giudizio, valuterà le opere esposte e nominerà, per ogni categoria (pittura, scultura, fotografia) compresa l'estemporanea, un vincitore al quale sarà offerta la possibilità di usufruire di uno spazio gratuito, in data da stabilirsi, per una mostra personale della durata di 3 settimane all'interno di Villa Contarini Giovanelli - Venier. In caso di maltempo, per l'esposizione verrà utilizzato lo spazio coperto (barchessa). L'Associazione Culturale Creativo' declina ogni responsabilità per eventuali danni a persone e cose che avvengano nel corso della manifestazione. Al termine della premiazione seguirà un momento conviviale con gli artisti partecipanti.

Mostra personale di acquerelli

EXPO

Sabato e Domenica di Settembre + 2 e 3 Ottobre 2021

dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 18,30

Info:

e-mail: creativo.ac@gmail.com

Sito web: www.creativo01.com

Facebook: https://www.facebook.com/VillaContariniGiovanelliVenier

Telefono: 049 9941 205 (Segreteria) o 345 468 6440 (Luigi)

Vernice 28 Agosto 2021 - ore 18

a cura dell'architetto Barbara TOGNON

Dopo la pausa di Ferragosto riprendiamo le attività con l'inaugurazione della mostra personale di acquerelli
EXPO
Sabato e Domenica di Settembre + 2 e 3 Ottobre 2021
dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 18,30

Info:

e-mail: creativo.ac@gmail.com
Sito web: www.creativo01.com
Facebook: https://www.facebook.com/VillaContariniGiovanelliVenier
Telefono:
049 9941 205 (Segreteria) o 345 468 6440 (Luigi)

Vo' Vecchio (PD) Piazza B. Santimaria 240

FERRAGOSTO 2021

Villa Contarini Giovanelli - Venier

rimane chiusa per ferie

dal 9 al 26 Agosto 2021

Per richieste straordinarie

chiamare il numero

345 468 6440 (Luigi)

Buone vacanze

VISITA GUIDATA 8 Agosto 2021

Il complesso di Villa Contarini Giovanelli Venier a Vo' Vecchio (PD) rappresenta uno dei più alti esempi, ormai rari, di urbanistica organizzata su un impianto di una Villa Veneta nell'entroterra padovano.

Nel corso dei secoli al Palazzo si sono aggregati l'oratorio, un'osteria, la piazza mercato ed il porto fluviale dando origine a quello che poi è diventato Vo'.

Villa Contarini Giovanelli Venier dal 3 dicembre 1943 al 17 luglio 1944 è stata campo di concentramento di cittadini ebrei, deportati poi al campo di concentramento di Auschwitz.

La visita dura circa 2 ore e mezza e si divide normalmente in due parti: la prima parte seduti (della durata di un'ora circa) in cui viene raccontata la storia del sito di Vo' Vecchio, della Villa, dei nobili e degli artisti che l'hanno abitata e la vicenda del campo di concentramento di cittadini ebrei. Si procede poi accompagnati alla visita dei quattro piani del Palazzo e del giardino.

Per la visita guidata il punto d'incontro è davanti alla biglietteria di Villa Contarini Giovanelli Venier, dove pagherà il biglietto d'ingresso. Consigliamo di arrivare 10 minuti prima delle 16.00 (ore di inizio della visita) per il disbrigo delle formalità.

Prezzo 5 €uro (gratuito per disabili e accompagnatore e bambini fino a 12 anni)

Per informazioni e prenotazioni

e-mail: creativo.ac@gmail.com

Sito web: www.creativo01.com

Facebook: https://www.facebook.com/VillaContariniGiovanelliVenier

Telefono: 049 9941 205 (Segreteria) o 345 468 6440 (Luigi)

 

75 anni portati bene!

Te lo dice pure chi ne compiuti 1600

Tanti Auguri Repubblica Italiana 

Dopo la chiusura forzata per il COVID - 19

Villa Contarini Giovanelli - Venier torna ad aprire al pubblico in occasione della

FESTA DEL LAVORO

Prezzo 5 €uro (gratuito per disabili e accompagnatore e bambini fino a 12 anni)

Per informazioni e prenotazioni

e-mail: creativo.ac@gmail.com

Sito web: www.creativo01.com

Facebook: https://www.facebook.com/VillaContariniGiovanelliVenier

Telefono: 049 9941 205 (Segreteria) o 345 468 6440 (Luigi)

Giuseppe Pellizza da Volpedo - Il Quarto Stato - 1901 Milano Museo del Novecento

Finalmente ci (RI) siamo, dopo la chiusura forzata per il COVID - 19, Villa Contarini Giovanelli - Venier torna ad aprire al pubblico in occasione del

1° Maggio 2021 - FESTA DEL LAVORO

Un omaggio a tutti coloro che nonostante le difficoltà patite nell'ultimo anno, non si sono persi d'animo, ma hanno continuato con caparbietà e dedizione a credere nelle proprie capacità per costruire il futuro e trasmetterlo in eredità alle future generazioni. Un pensiero anche ai medici, agli infermieri, al personale sanitario e a tutti coloro che nel mondo del lavoro hanno pagato con la vita l'esposizione al contagio del virus. A loro va tutta la nostra riconoscenza.

L'accesso è consentito previo pagamento del biglietto alle medesime condizioni precedenti la chiusura.

La Villa è sempre pronta per accogliere i visitatori in totale sicurezza. Sono attive tutte le misure e le precauzioni previste dalle vigenti disposizioni; a tutti coloro che entreranno per visitarla sarà richiesto di seguire le ormai note e semplici regole:

indossare la mascherina;

possibilmente prenotare la visita in anticipo;

mantenere una distanza di sicurezza di 1 m da altre persone;

non usare l'ascensore (riservato alle persone disabili).

Per informazioni e prenotazioni

Telefono: 345 468 6440 (Luigi)

e-mail: creativo.ac@gmail.com

Sito web: www.creativo01.com

Facebook: https://www.facebook.com/VillaContariniGiovanelliVenier

Niente cerimonie, o cortei, o interventi pubblici. Anche quest'anno, il 25 aprile, festa della Liberazione, non può essere celebrato in modo tradizionale, a causa del Covid-19. È un modo certo dovuto a causa di forza maggiore, di cui avremmo volentieri fatto ancora una volta a meno; ci sarebbe piaciuto finalmente uscire di casa, liberi di manifestare le nostre idee, ciascuno a modo suo. Lo faremo da domani, con modalità ancora restrittive, ma con la prospettiva di vedere la luce alla fine del tunnel.

Ancora oggi, c'è il pericolo di contrarre il virus e di trasmetterlo alle persone a cui vogliamo più bene. Ci sono ancora impediti certi movimenti "non necessari" che comprendono ciò a cui teniamo di più: andare a trovare la fidanzata o un amico, prendere il sole o vedere il mare, camminare nei boschi o fare acquisti voluttuari.

Abbiamo provato cosa significa la libertà negata o soltanto condizionata, che nessuna generazione aveva più vissuto da quel momento di tanti anni fa. È certamente stato un monito per noi, più forte di qualsiasi discorso. Per questo oggi abbiamo ancor più bisogno di celebrare la libertà, come bene irrinunciabile. E di ricordare che occorre farne buon uso. Bisogna saperla apprezzare, essere consapevoli del suo valore e della sua importanza. Per noi stessi e le nuove generazioni.

Come ogni cosa di valore va impiegata bene facendola fruttare al meglio. La sua necessità, oggi che abbiamo avvertito quanto ci è mancata, è un monito per cambiare passo domani quando ripartiremo, caso mai avessimo sbagliato la rotta; meglio gettare via l'irrilevante, le imprese mal concepite o dannose, e occuparci seriamente delle cose necessarie, la scuola, il lavoro, la giustizia, la sanità, la cultura, che avevamo lasciato a metà, quando tutto è scoppiato.

E allora festeggiamola la Liberazione e che lo sia davvero!

Il Presidente - Luigi Rossi

Giorno della Memoria

Mercoledì 27 Gennaio 2021 - ore 11

Intervento del Sindaco di Vo' - Dott. Giuliano MARTINI in occasione della commemorazione del Giorno della Memoria 27 Gen 2021

27 Gennaio 2021

"Io credo che nella vita si possa ricavare qualcosa di positivo in tutte le circostanze, che si abbia il diritto di affermarlo solo se personalmente non si sfugge alle circostanze peggiori. Possiamo soffrire, ma non dobbiamo soccombere".

Sono le parole che Etty Hillesum scrive nel suo Diario durante la prigionia nel campo di concentramento di Vesterbork, prima di essere trasferita ad Auschwitz dove troverà la morte nel 1943.

Oggi siamo qui, davanti a questa lapide per ricordare e capire i tragici avvenimenti che, a seguito della promulgazione delle leggi razziali del 1938, mandarono a morte cittadini italiani, la cui unica colpa era di essere di religione ebraica. Solo nella comprensione piena del passato, possiamo evitare di ripetere gli stessi errori. Errori fatti di odio e follia che hanno portato all'uccisione di donne, uomini, bambini e anziani che, senza colpa, sono stati segregati qui a Voi' Vecchio, per poi essere caricati su un treno e deportati ad Auschwitz per la "soluzione finale": la morte nella camera a gas.
Ripensando a queste vite stroncate per i desideri di potere e di gloria di menti insane e assassine, che non hanno avuto la fortuna di trovare un Giorgio Perlasca che salvasse le loro vite, abbiamo l'obbligo di parlare ai nostri giovani e di ricordare a tutti quanto è successo, per evitare che si ripetano tragedie come quella della Shoah. Dobbiamo tenere viva la memoria dei vecchi, di quella generazione appena scomparsa, che ha custodito gli orrori della guerra e da essi ha potuto risorgere, senza per questo dimenticare; i vecchi che sono stati giovani sopravvissuti ai genocidi, alle bombe, alle persecuzioni. Noi siamo nani sulle spalle di questi giganti e non possiamo scendere - ossia dimenticarci di loro - perché solo issati in alto dalle loro vite tribolate possiamo vedere lontano senza scordare il passato, soprattutto, senza ripeterlo. Dobbiamo ricordare che in questa Villa, un tempo nobile residenza e teatro di vita quotidiana, a seguito della circolare del 30 Nov 1943, 47 ebrei furono incarcerati e portati in questo luogo per poi essere mandati a morire ad Auschwitz - Birkenau in Polonia.
E non possiamo non menzionare la figura dell'artista futurista Mario Pozzati che si rifugiò in questa villa fino a che non fu requisita dai Tedeschi. L'artista ha pagato un caro prezzo per aver avuto il coraggio di criticare il regime quale anarchico antifascista. L'arte si nutre di libertà e quando viene imprigionata diventa testimonianza del suo tempo, diventa Storia, così nelle opere di Pozzati troviamo i tratti cupi e angosciati di una disumanità inspiegabile.
In un periodo così difficile a causa di questa crisi mondiale non dipendente da umana lucida follia ma da un virus che sta creando grande sconvolgimento in tutto il pianeta, è nostro dovere fare in modo che non si creino ulteriori spaccature tra pensieri differenti, perché quello di Villa Contarini Giovanelli - Venier, con la sua bellezza sviluppata in verticale e i suoi interni che conservano le tracce della miseria umana, è un monito alla tolleranza, alla fraternità a vedere oltre, perché il dopo pandemia è nelle nostre mani, come lo è stato il dopo di una guerra folle.
La rinascita, anche oggi, soprattutto oggi, è nelle nostre mani. 

La magia del sottobosco e i profumi dell'autunno

Entra nel mondo della biodiversità dei Colli Euganei e Berici

In attesa di accogliere il Presidente della Repubblica Italiana a VO' per l'evento di apertura del nuovo anno scolastico TUTTI A SCUOLA lunedì 14 Settembre 2020, l'istituto comprensivo scolastico di Vo' Lozzo Atestino e Cinto Euganeo in collaborazione con CreatiVo' e Acquevenete organizza una serie di laboratori didattici per i ragazzi venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 Settembre 2020.

L'accesso al sito di Villa Contarini Giovanelli - Venier è consentito solo alle persone che si sono prenotate presso il sito dell'istituto comprensivo scolastico.

Ferragosto 2020

La villa rimane chiusa nei giorni di Sabato 15 e Domenica 16 Agosto 2020.

Arrivederci a Venerdì 21 Agosto dalle ore 15 

Pittura - Scultura - Fotografia

Mostra estemporanea e concorso a tecnica libera

I COLORI DELLA RINASCITA

Mostra personale di Thomas PREARO

Vernice Sabato 8 Agosto 2020 ore 18

Il pittore padovano Thomas PREARO nato ai piedi dei colli euganei nel 1982 vive e lavora a Galzignano Terme. In Thomas, artista diversamente abile, già dai primi anni di scuola si intravedeva la propensione all'uso dei colori, rafforzata successivamente nel percorso scolastico che lo ha portato, con l'accompagnamento di importanti critici d'arte, a scalare una interessante carriera artistica e ad esporre in Italia ed all'estero.

L'artista spontaneamente riesce ad estrarre dalle tele quanto la sua fantasia suggerisce vi sia racchiuso, senza aver all'inizio la percezione di cosa sarà. Per questo i significati sono immediati, i titoli sono sempre attribuiti successivamente, quando la visione è ormai completamente determinata. In certi casi nel quadro s'intravedono delle immagini che rappresentano dei volti.

Nell'ultimo periodo, durante i difficili giorni di quarantena, Thomas ha avuto una fase esponenziale di creatività realizzando circa 15 opere dedicate al Covid 19; tali opere realizzate con tecniche diverse e con notevole intensità emotiva, hanno dato vita ad un percorso creativo creando una collezione che ora Thomas desidera condividere in particolare con la comunità di Vo'.

 Domenica 2 e 9 Agosto 2020

2 VISITE GUIDATE A PARTIRE DALLE ORE 16


Mercoledì   29 Luglio 2020

ore 21



Presentazione a cura di Leandro Barsotti - giornalista e scrittore - e Barbara Tognon - architetto artista e critica d'arte

L'Artista Seneca - coerentemente col suo messaggio - non sarà presente all'evento, chi voglia prenotarsi il libro con dedica può farlo al 335 566 6263

Prima della presentazione dell'opera, con inizio alle ore 20, sarà possibile effettuare una visita guidata del palazzo con accesso a offerta libera.

Associazione Culurale CreatiVo'  Modulo di iscrizione Anno 2020

CreatiVò - Creativo - CreatiVo' - CreatiVo - Creativo01